• Home
  • » Realizzazioni
  • » Resecazione della banchina del Marzocco – Fase 1° demolizione di una vecchia banchina.
 

Demolizione di un fabbricato in muratura portante e scavo di sbancamento per la realizzazione delle nuove fondazioni.

Descrizione dell'opera:Demolizione con l'ausilio di mezzo meccanico munito di braccio da ...

Lavori di realizzazione di palancolato perimetrale

Descrizione dell'opera:Esecuzione di pulizia preliminare dell'area ...

Lavori urgenti per la riparazione e messa in sicurezza delle infrastruttre portuali - Porticciolo di Antignano (Li)

Opere marittime per la rifioritura di scogliera in massi naturali; consolidamento del piede di ...

Opere edili di assistenza alla realizzazione del nuovo impianto di illuminazione pubblica in zona centro città 3° lotto

L'opera consiste nella realizzazione di scavi a sezione obbligata, con posa del cavidotto ...

| Archivio

 
 

Resecazione della banchina del Marzocco – Fase 1° demolizione di una vecchia banchina.

Denominazione cantiere: Resecazione della banchina del Marzocco – Fase 1° demolizione di una vecchia banchina.
Localizzazione: Darsena Toscana - Porto di Livorno
Committente: Autorità Portuale di Livorno
Categoria prevalente: OS23 cl. II
Tipologia dell'appalto: procedura negoziata
Importo dei lavori: - €
Referenti Tecnici: P.I. Frassi Alessandro
Consegna lavori: Dicembre 2014

Opere di resecazione della banchina della Torre del Marzocco
L'intervento è mirato all'asportazione di tutto il materiale lapideo che costituisce il perimetro di banchina e il materiale terrigeno che costituisce il piano campagna ricompreso tra il filo banchina da rimuovere e il nuovo filo banchina già realizzato.
La realizzazione dell'intervento è caratterizzata dall'esecuzione delle seguenti lavorazioni:
• Demolizione dei manufatti presenti sul piano di campagna;
• Pulizia del fondale marino antistante la banchina da demolire;
• Rimozione del coronamento di banchina e pescaggio del materiale costituente il filo banchina;
• Scavo dal piano di campagna fino al livello medio marino.

Demolizione dei manufatti presenti sul piano di campagna
Sull'attuale area d'intervento sono presenti dei manufatti consistenti in basamenti di bitte.
Tali manufatti saranno rimossi mediante l'ausilio di un mezzo meccanico dotato di martello demolitore idraulico, il materiale demolito sarà ridotto in piccola pezzatura tale da agevolare successivamente il conferimento presso aree autorizzate alla raccolta.

Pulizia del fondale marino antistante la banchina da demolire;
Nello specchio d'acqua antistante l'area d'intervento sono presenti numerosi residui del coronamento della banchina, che in mancanza di manutenzione sono crollati in mare.
La rimozione di quest'ultimi sarà effettuata dalla banchina stessa mediante l'utilizzo di un escavatore idraulico di adeguate dimensioni.
Il materiale asportato sarà posizionato in apposita area interna al cantiere, pronto successivamente per essere conferito presso aree autorizzate alla raccolta ed allo smaltimento.

Rimozione del coronamento di banchina e pescaggio del materiale costituente il filo banchina;
Al fine di una corretta asportazione dei materiali posti in posizione subacquea, appare necessaria una demolizione preliminare del blocco di filo banchina già franato, posizionato a 140 mt circa dall'estremo ovest. La rimozione degli altri tratti di filo banchina, la dimensione, la consistenza dei massi di guardia permettano la rimozione diretta e l'asportazione delle altre porzioni lapidee.
Le demolizioni saranno eseguite mediante l'utilizzo di un escavatore idraulico munito di martello demolitore e benna.
Il materiale di risulta sarà successivamente conferito presso aree autorizzate alla raccolta ed allo smaltimento.

Scavo dal piano di campagna fino al livello medio marino.
Lo scavo avrà inizio dal lato Ovest dell'area oggetto dell'intervento e sarà eseguito mediante l'ausilio di un escavatore idraulico di adeguate dimensioni.
L'escavatore sarà posizionato sul piano di cantiere ed il mezzo atto a ricevere il materiale di scavo (camion) dietro l'escavatore stesso, a distanza tale da permettere lo scarico dalla benna del materiale scavato con il solo movimento di rotazione del mezzo e con l'allungamento del braccio.
Il materiale di risulta sarà conferito presso aree auto